Rinosettoplastica

Cos'è

La rinosettoplastica è uno degli interventi di chirurgia estetica più desiderati per migliorare non solo il proprio aspetto ma anche e soprattutto la respirazione nasale. Chi si sottopone a un intervento chirurgico di rinosettoplastica non lo fa per il solo desiderio di un naso più bello ma sempre più frequentemente per concomitanti disturbi respiratori.

Per chi è indicato

Ogni qual volta una persona presenti difficoltà respiratoria nasale, sia per deformità congenite che per difetti conseguenti a traumi nasali e desideri risolvere entrambe gli aspetti approfittando nello stesso tempo per migliorare la forma del naso può farlo nello stesso intervento, denominato rinosettoplastica, che mira alla correzione del naso sia da un punto di vista estetico che funzionale (rinoplastica + settoplastica). E’ assolutamente preferibile che le due procedure siano eseguite dallo stesso chirurgo: in questo modo si assicura una bilanciata ed armonica integrazione delle varie manovre.
Un setto nasale deviato comporta quasi sempre un naso storto esternamente che deve essere ovviamente raddrizzato. Se un chirurgo si occupa del setto ed un altro della modifica estetica le varie procedure si sincronizzano con maggiore difficoltà. Personalmente eseguo con grande frequenza correzioni estetiche e funzionali contemporanee ed esse possono tranquillamente essere eseguite in anestesia locale senza, di norma, utilizzare alcun tampone.

Come si svolge l'intervento

La rinosettoplastica può essere eseguita con un accesso nasale chiuso o aperto. Esistono molte tecniche per raddrizzare il setto nasale, la più comune è quella di resecare per via sottomucosa le parti cartilaginee ed ossee deviate lasciando sempre un valido sostegno del dorso nasale per evitare sue insellature. In alcuni casi può bastare la tecnica della porta girevole “swinging door”, che prevede la medializzazione della cartilagine settale mediante l’asportazione della parte dislocata sul suo aggancio osseo. Quando è deviata la parte del setto che da sostegno al dorso del naso che si presenta quindi particolarmente storto la tecnica più efficace e risolutiva sia dal punto di vista estetico che funzionale è la “settoplastica extracorporea” che richiede l’estrazione della cartilagine settale, il suo modellamento e reinserimento.

Questa tecnica richiede una notevole esperienza chirurgica e va sempre eseguita con l’accesso della rinoplastica aperta.
Nello stesso tempo della rinosettoplastica possono essere corretti i turbinati nei casi in cui questi si presentino particolarmente ipertrofici. L’ipertrofia dei turbinati generalmente va a posto da sola quando è corretta la deviazione del setto ma se va fatta il loro trattamento è bene sia conservativo per evitare un eccessivo passaggio di aria attraverso le fosse nasali con conseguente sindrome da naso vuoto.

Decorso post operatorio

Il decorso postoperatorio di una rinosettoplastica non si discosta da quello successivo ad una semplice correzione estetica.

Un sanguinamento moderato nelle prime ore dopo l’intervento di rinosettoplastica è normale, un sanguinamento importante è raro ma può avvenire anche nei giorni successivi e può richiedere l’introduzione nelle fosse nasali di tamponi.

Qualche volta, a distanza varia di tempo, la deviazione settale si può riprodurre in quanto le strutture cartilaginee si ricollocano seguendo una loro memoria cronicizzata in una posizione scorretta. Questa evenienza può essere limitata con una adeguata procedura di modellamento e resezione delle parti deviate ma è sempre possibile.
Altra possibilità negativa della rinosettoplastica è il perdurare di una insufficiente respirazione nasale. Questa è spesso dovuta al fatto che il naso respira male non per un difetto strutturale, la deviazione del setto, ma per problemi di carattere flogistico-allergico che vanno individuati prima dell’intervento. Se ci sono dei dubbi prima della rinosettoplastica è bene fare eseguire una TAC delle fosse nasali che chiarisca la posizione del setto e dei turbinati: se questa è corretta o solo leggermente alterata l’intervento non potrà migliorare la respirazione nasale e la cura dovrà essere di tipo medico.

Costi indicativi

5.800 euro *

Anestesia

Locale con sedazione assistita

Durata

90 minuti

Ricovero

Non necessario

Tempi di recupero

7 giorni

Risultati definitivi

21 giorni

Note:

I dati generici riportati non possono sostituire un consulto personalizzato, che è l’unico modo per ottenere tutti i chiarimenti di cui hai bisogno sull’intervento più indicato per te, in base alle tue esigenze e aspettative, ed il relativo costo.

Prenota la prima visita

Puoi compilare il form online o chiamare il 345 0000 000